Cerca nel blog

lunedì 30 settembre 2013

Durnwalder: "I grillini salvino Letta"

Usa un neologismo fulminante il presidente della Provincia Luis Durnwalder per descrivere il momento romano. "Jein" dice sulla sorpresa verso una crisi di un governo che rischia di durare come un povero gatto in tangenziale e che mercoledì conterà le auto veramente disposte a schivarlo. In italiano suonerebbe "ni" che tradotto significa che "sì, da Berlusconi una virata di questo tipo in fondo in fondo c'era da aspettarsela".
“Ci immaginavamo una forte presa di posizione, certo arrivare a ipotizzare addirittura il ritiro dei ministri forse no. In ogni caso il fatto è grave e mette l’Italia in pericolo perché il Paese è piuttosto malato e non si possono sottrargli le medicine col rischio, poi, di renderle totalmente inutili in un secondo momento. Io mi auguro che in parlamento qualcuno del Pdl o gli stessi grillini prendano coscienza della necessità che ha ‘Italia di essere governata e superino questo momento di stallo. Questo esecutivo del Pd con Letta premier ha lavorato bene, ha una buona rotta e merita di poterla proseguire”.
Restano, dunque, i puntini di sospensione su un governo che l'Svp vorrebbe decisamente salvare. Stavolta, però, si vira più verso il nein che non il ja.
Alan Conti

Presidente e assessori fuori dai cda

Giunta e presidente fuori dai cda degli enti a controllo pubblico. La giunta provinciale ha dato oggi attuazione al nuovo decreto legislativo sull'incompatibilità. Insomma gli assessori e il futuro Landeshauptmann dovranno dare campo aperto ad altri rappresentanti nei cda e la Provincia ha provveduto anche a incaricare l'organo che se ne dovrà occupare.
“Si tratterà – precisa Luis Durnwalder – della Commissione per il rispetto del patto di stabilità. In questo modo ogni nomina verrà ratificata da un organo esterno come previsto dalla norma”.
Nella seduta di stamattina, intanto, la giunta ha dato il via libera alle nuove commissioni su territorio e paesaggio, a una campagna per la sicurezza in moto, al controllo regolare dei ponti, all'ampliamento della medicina complementare e al nuovo patto dei sindaco Ue per il clima. Qualche passo in più per cercare di salvare ambiente e trasparenza. (a.c.)

Si presenta La Destra: "Noi unica vera destra nazionale"

Uno dei lavori più complessi delle forze di destra che si presenteranno ai nastri di questa competizione elettorale è quella di distinguersi. La Destra ha cercato subito di interpretare questo cercando delle prese di distanza dai movimenti territoriali battendo sul tasto nazionale, ma anche su una lista di giovani e prime leve della politica imbevuta di identità e sociale.
“E’ un nostro preciso orientamento – spiega il capolista Mauro Minniti - oltretutto siamo l’unica vera destra con un aggancio nazionale. Inutile nasconderselo: è a Roma che le cose possono cambiare e non certo a Bolzano dove l’Svp avrà sempre e comunque una qualche maggioranza. Per questo motivo i movimenti territoriali sono destinati al fallimento”. Un missile fila dritto anche in direzione Fratelli d’Italia: “Spero che gli elettori di destra siano più intelligenti di chi invita a non votare questa parte politica per la sua assenza. Noi siamo dispiaciuti, ma al contempo sappiamo di poter portare avanti noi determinati convincimenti culturali”. A furia di insistere sul sociale, poi, il riflesso potrebbe essere quello del desiderio di pescare al centro o, esagerando, a sinistra. “Dobbiamo uscire dalle gabbie concettuali – termina Minniti – che vedono il liberismo a destra e il sociale a sinistra. Noi sappiamo benissimo di poter rappresentare alcune istanze relative, per esempio, alla casa o alla famiglia”.
Si corre, insomma, su due piani: squisitamente politica con relative polemiche e concretamente tematica con argomenti pesanti. Oggi da destra arriva una doppia stilettata.
Alan Conti

Quel vizio di cercarsi su Google

Non lo fanno tutti, ma lo fanno in molti. Sicuramente anche a voi sarà venuta la tentazione almeno una volta davanti, a un motore di ricerca, di infilarci dentro il proprio nome e il proprio cognome con la curiosità di scoprire quello che viene fuori. Non preoccupatevi, è un narcisismo piuttosto diffuso e sostanzialmente innocuo, ma è presto diventato oggetto di ricerca del Pew Research statunitense ripreso da Serena Danna del Corriere della Sera. Intanto il fenomeno è talmente diffuso da avere un nome proprio ovvero egosurfing e a farlo sono il 56% delle persone. I più web pavoni sono i maschi perché sono proprio loro al 58% a cercarsi su internet, specialmente nella fascia d’età tra i 18 e i 29 anni ma su questo aspetto influisce probabilmente la dimestichezza con il mezzo tecnologico. Attenzione perché il classico Google può essere solo il primo step per gli auto cercatori incalliti perché il 24% prosegue poi la caccia anche sui social network: Facebook e Twitter su tutti. Titolo di studio: il 68% è laureato, il 42% diplomato. Oltre alla curiosità personale, comunque, l’egosurfing ha anche un aspetto decisamente più serio legato al controllo della propria reputazione on line. A livello professionale, infatti, questo può risultare decisivo e sono sempre più i datori di lavoro che scelgono i propri dipendenti anche in base a post, twit o blog. Non a caso Federica Colonna sulle pagine di “Lettura” ha dimostrato come rifarsi un  nome pulito sul web possa costare anche diecimila euro. Nessun imbarazzo, dunque, e se vi cercate tanto meglio: controllare il proprio buon nome può essere decisivo.
Alan Conti

sabato 28 settembre 2013

Aperto il tunnel, Ora esulta

Strana l’Italia: mentre da un lato si fanno le barricate per impedire la realizzazione di un tunnel, dall’altra l’apertura di una galleria viene salutata con entusiasmo palpabile da un’intera comunità. Val di Susa e Bassa Atesina, se vogliamo, rappresentano gli antipodi del Belpaese dopo l’inaugurazione ufficiale del tunnel che da oggi si potrà imboccare da Ora nord bypassando il centro abitato e tagliando sensibilmente i tempi di percorrenza. Un’opera attesissima dai pendolari che per Ora ci passano, ma anche da un buon numero di residenti che vedono in questa realizzazione la libertà dal giogo del traffico di passaggio e un sensibile rilancio della qualità della vita abitativa in paese.
“Siamo molto contenti di questa opera – spiega il presidente della Provincia Luis Durnwalder – perché contemporaneamente miglioriamo la viabilità rendendo la Bassa Atesina più appetibile e vivibile. Il tutto, infatti, si integra con quanto già realizzato a Laives”.
I dati, comunque, ben descrivono una galleria che dopo lo svincolo per la val di Fiemme presenta la volta più ampia d’Italia. Tre i chilometri di lunghezza  per un tunnel che ha una sezione di 370 metri quadri ed è costata 84 milioni di euro nei suoi due lotti per 4 anni di lavoro.
“Il cantiere non è stato semplice per le sue implicazioni geotecniche – spiega il direttore della Ripartizione Provinciale Infrastrutture Valentino Pagani – che ci hanno portato a controllare costantemente tutti i valori e lo stato del terreno ad ogni minimo passaggio. Adesso, però, presentiamo una circonvallazione fondamentale nel suo essere connessione tra due Statali: la SS12 e quella per la val di Fiemme”.
Tra i tanti sorrisi di una festa che ieri è durata fino a tarda notte c’è anche qualche cruccio preoccupato. E’ quello dei commercianti di Ora che senza traffico di passaggio vedono addensarsi nubi pericolose all’orizzonte. Questa galleria sembra snellire tutto, tranne i loro affari.
Alan Conti

venerdì 27 settembre 2013

Buerger Union: addio temi etnici

Via dai temi etnici, spazio a famiglia e sociale. Bürger Union, Ladins Dolomites e Wir Südtiroler hanno presentato oggi la propria lista per le provinciali davanti a Palazzo Widmann varando una nuova alleanza e prendendo il largo da alcuni temi a forte connotazione linguistica che hanno contraddistinto il passato da Pöder. Referendum e stato libero, dunque, passano in secondo piano rispetto alle necessità di una società che fa i conti con il sociale e difende la propria famiglia.
La rincorsa alla conferma di un seggio passa su de fronti: il salto dell'ostacolo etnico e la breccia nel gruppo ladino. (a.c.)

Daverio: "Capitale della cultura? Cosa significa cultura?"

Il peso della parola. Prima ancora che il design, l'arte e la cultura Philippe Daverio porta una visione trasversale all'Innovation Festival richiamando il folto pubblico nell'aula magna dell'università al nucleo dei termini. Dunque il design la chiave che ha portato Daverio a Bolzano cercando di definire cosa possa entrare precisamente in questa definizione. Uguale il codice di lettura per la capitale della cultura dove sarà bene chiarirsi esattamente cosa si intenda come cultura.
"Il design va analizzato anche da una propsettiva antropologica perchè noi siamo qualcosa più di una mucca che necessita di una mangiatoia e una stalla areata. Nell'uomo dobbiamo anche considerare la componente psichica che valuta vari fattori: dal sentimento alla durevolezza. Per quanto riguarda la capitale della cultura sarà bene chiarire bene cosa si intende per cultura in un'Europa che pensa solamente all'Euro. Una volta capito questo potremmo anche dire se sia meglio assegnarla a questa o quella città".
La questione, dunque, non è affatto di lana caprina e il peso delle parole viene ribadito tra i sorrisi anche nell'aula magna della Lub dove Daverio viene presentato come critico d'arte e conduttore televisivo. Pronta la replica a sottolineare la sua qualifica di docente di designer. Un invito all'amministrazione a riflettere sulle parole senza prenderle alla leggere, fossero anche funzionali a una candidatura.

Moro: "La montagna è un sogno, non si muore per un sogno"

Un limite da non superare, un'orizzonte da mantenere: quello del sogno, ma con la punta di coscienza che ti dona la paura. Simone Moro ha magnetizzato il pubblico dell'Innovation Festival a Palais Campofranco raccontando la sua visione della montagna: da grande alpinista capace di raggiungere quattro volte la vetta dell'Everest e tre volte un ottomila invernale, ma anche da soccorritore elicotterista che quotidianamente sorvola i cielo del Nepal. Senza contare il pericolo vissuto sulla propria pelle qualche mese fa con la protesta degli Sherpa.
"Vale la pena vivere per un sogno, ma non morire per un sogno". La montagna è un sogno, mai dare spazio all'incubo. Prego annotare per l'incipiente inverno.(a.c.)
Nel telegiornale di oggi l'intervista completa

Morti di Cima Vallona? Bas innocente

Non fu il nucleo terroristico del Bas a uccidere quattro militari italiani e ferirne gravemente un altro nell'attentato di Cima Vallona del 1967. Erhard Hartung, Peter Kienesberger ed Egon Kufner sono stati condannati a un ergastolo in contumacia in un processo di Firenze nel 1971 che impedisce loro di ripresentarsi in Italia. Non è da escludere, infine, che protagonista dell'attentato sia la destra italiana coperta dal Segreto di Stato. È una tripletta storica clamorosa quella servita nel nuovo libro redatto dallo studioso Hubert Speckner "Zwischen Porze e Rosskarspitz". Impalcatura della tesi sono alcuni documenti dei servizi austriaci, Paese che non ha mai condannato i fatti in via processuale.
Naturalmente presente alla conferenza ufficiale Eva Klotz per un negazionismo che ora chiede all'Italia di rivedere la vicenda storica e mostrare le carte che ancora ha in mano. Ancora una volta, insomma, si torna su temi che, forse, non si sente la necessità di riproporre. In Italia gli atti continuano a considerare i tre alla voce terroristi: forse non basta farsi chiamare "Bravi Ragazzi" per esserlo veramente.

Oktoberfest, spende 2000 euro e non se ne accorge

Qualche birra in più e i numeri si confondono. Peccato che quando precedono il digitare il proprio pin su un bancomat la cosa diventi abbastanza critica. È accaduto a un utente che si è rivolto al Centro Europeo Consumatori di Bolzano per un episodio registrato all'Oktoberfest di Monaco di questi giorni. Dopo essersi ben ben carburato ai tendoni l'uomo ha incontrato una ragazza, seducente e disponibile, che lo ha portato all'interno  di un bar, poi rivelatosi un night. La serata, dunque, si conclude con uno spumante da 140 euro e un drink da 40 pagati con il bancomat in due volte. Un conto che già di per sè nei suoi 180 euro lascia sbigottiti non fosse che il capolavoro si completa quando, alla cassa di un supermercato qualche settimana dopo, la vittima si accorge dei pagamenti bloccati a causa dello sforamento dei limiti di spesa. Ebbene nel locale tedesco l'esborso era stato di 960 euro a consumazione per un totale di quasi 2000 euro. Una mazzata che ha portato l'uomo a seguire tutte le vie per cercare di rientrare in possesso dei suoi soldi: invano perché ora dovrà ricorrere al giudice che dovrà stabilire se un individuo che si riempie talmente tanto di alcol da non accorgersi quanto sta pagando prima di inserire il pin del proprio bancomat sia da considerarsi ubriaco e truffato o semplicemente ubriaco e fesso. 
Alan Conti

giovedì 26 settembre 2013

Partito l'Innovation Festival, sguardo al futuro

Cominciano i green days a Bolzano con un Innovation Festival che ha conosciuto oggi la cerimonia ufficiale d'apertura per una tre giorni di novità e idee a tamburo battente. Una inaugurazione che ha visto accorrere al Museion tutti i rappresentanti dei vari settori altoatesini: dalla scuola alla forze dell'ordine passando per la politica, l'impresa, l'economia e l'artigianato. Prende forma un mix fittissimo di incontri, relazioni, nomi noti e iniziative per il pubblico. Dalle piazza Walther e Università con le molteplici proposte innovative del territorio ai guru del design e del microcredito nelle aule universitarie. C'è di tutto in una rassegna che che spiega se stessa anche nei numeri: 140 relatori provenienti da 10 paesi con 35 ore di convegni e 34 programmi per le scuole. Prendendo e sfogliando l'intero programma, c'è da esserne certi, ciascuno trova un punto di interesse.
Più che il festival in sè, oltre i vari Tomba, Daverio o Carrozza conterà sopratutto quanto questa manifestazione riuscirà a lasciare dietro di sè. Il simbolo è quello di una volpe stilizzata: speriamo serva a renderci tutti più furbi verso il futuro.  Positivamente furbi.

Alto Adige nel cuore presenta la squadra

Sulla strada si erano già presentati in più occasioni, ma ufficialmente la lista per le provinciali non era ancora stata mostrata in tutta la sua rosa.  Oggi al parco delle Semirurali Alto Adige nel
Cuore ha tagliato ufficialmente il nastro di un movimento che vuole proporsi come un qualcosa di diverso, ma anche come metamorfosi di due consiglieri provinciali usciti dal Pdl per cercare una nuova strada per la rielezione. Trentacinque candidati di varia estrazione pescando negli ambiti più disparati del territori. Rendere nuova una politica d'esperienza: è una strategia ma anche una sfida.

mercoledì 25 settembre 2013

Vince il Comune: via le slot dai bar

Via le slot oppure locale chiuso. E’ una sconfitta netta quella che i tre bar ricorrenti hanno ricevuto dal Tar di Bolzano. La sospensiva richiesta dai titolari contro il provvedimento del sindaco che disponeva la rimozione dei giochi dai locali pubblici e la conseguente chiusura dell’esercizio in caso di mancato rispetto è stata respinta in modo piuttosto definitivo. L’ordinanza, infatti, è motivata dal fatto che i motivi di ricorso non appaiono sorretti da sufficiente “fumus boni iuris” ovvero, fuori di citazione latina, che l’interesse generale della difesa della popolazione dalla ludopatia è assai preminente rispetto all’interesse meramente economico del ricorrente. Non solo, il Tar aggiunge che la sospensione dell’esercizio è disposta fino all’avvenuta rimozione delle slot quindi finchè ci saranno le macchinette non potrà riaprire nemmeno il bancone. In ogni caso sarà sufficiente la loro rimozione per la ripresa dell’attività senza particolari problemi. Naturalmente da piazza Municipio si esulta: “Si tratta di un’importante risultato per l’attività svolta dal Comune di Bolzano che trova così piena legittimità dei suoi atti”. Ad apparire decisivo, comunque, non è solo il vade retro del tribunale amministrativo della sospensiva, ma la sua stessa motivazione che mette in fila gli interessi senza tante discussioni. L’azzardo, insomma, stavolta è fallito.
Alan Conti

Il pranzo della giunta? 2111 euro

2.111 euro per un pranzo in sette. 301 euro a testa, senza contare il probabile stuolo di tecnici al seguito. A tanto ammonta la spesa pubblica per quella giunta improvvisata il 4 di settembre al ristorante “Kleine Flamme” di Vipiteno che tanto ha fatto discutere per l’utilizzo di ben sette auto blu testimoniato da Team Autonomie. Ora, però, grazie a una scoperta di Elena Artioli si scopre che il problema delle auto era quello minore a fronte di una gara pubblica che ben dodici giorni dopo la libagione, chissà perché, assegna al ristorante il servizio di ristorazione. Guarda un po’ l’unico in gara nonostante il territorio altoatesino sia piuttosto fornito locande, osterie o trattorie. Il locale, oltretutto, è di proprietà dell’ex consigliere provinciale “Di fatto – fa notare Artioli – si tratta degli stipendi di due operai spesi in un solo pranzo oltretutto seguendo una pratica che è chiaramente riparatoria rispetto allo scandalo delle auto utilizzate”. Resta, comunque, il grande dubbio di cosa si debba ordinare per ricevere un conto talmente salato. Ci si era indignati per le tante brioche alla colazione del lunedì e gli assessori avevano deciso di fare la più elementare delle collette: ora, però, si scopre che ci si era concentrati sui pasti. Glielo diciamo da contribuenti: se la colazione autofinanziata vi lascia così tanto languore tornate pure a prendervi la brioche che di sicuro ci conviene. 
Alan Conti

Pederzoli: "Ricomincio dal sogno serie B"

Ormai l’hanno capito anche i pochi fili d’erba dello stadio Druso che a questo Alto Adige manca letteralmente un volante central, ovvero un regista di qualità o anche semplicemente un regista che muova la squadra a dovere. Il nome è stato individuato nello svincolato Alex Pederzoli il che introduce due questioni non di poco conto: la sostanziale bocciatura di Bastone e Molinelli e un passato di calcio scommesse da superare. Pederzoli, infatti, ha patteggiato un anno e quattro mesi  di squalifica oltre a un’ammenda per aver ricoperto un ruolo di primissimo piano nell’aggiustamento delle partite. Una condanna non proprio leggera.
“Questo periodo mi è servito a capire quanto possiamo ritenerci dei privilegiati e ho sentito l’appoggio di moltissime persone. La mia forza è che la famiglia e fortunatamente riesco a non farmi influenzare troppo dall’esterno. Ora, però, voglio pensare a questo nuovo inizio e focalizzarmi bene sul sogno di giocare in serie B dove si gioca in stadi importanti e di grande tradizione. La vogliamo fortemente”. Attenzione, dunque, a non dimenticare come Pederzoli abbia già pagato la sua colpa quindi sarà bene concentrarsi sull’aspetto tecnico chiedendosi come può reagire un giocatore a tanti mesi di inattività considerando il suo passato di alta levatura tecnica che lo ha visto protagonista in Serie B e, da giovane, nell’Italia under 30 e nel vivaio juventino. Occhi sul campo, dunque, perché le partite ora dovrà indirizzarle solo da lì. ù
Alan Conti

Auto in panne, Bolzano in tilt

È successo ancora una volta. Basta il singhiozzo di un motore all'interno della Galleria del Virgolo per mettere la città in ginocchio. Viabilità in tilt questa mattina nell'intera Zona Industriale con ripercussioni anche sui quartieri abitati. Non bastasse ecco una serie di micro incidenti ad aumentare il caos, specialmente nel quartiere Europa Novacella.
L'origine del tutto, peró, è un'auto in panne all'interno del tunnel che connette le due estremità di Bolzano. La direzione è quella nord, ma l'intervento di rimozione non è di quelli semplici. Immediata scatta la chiusura dei varchi di accesso con senso alternato e con paralisi pressoché contemporanea di via Galilei, Pacinotti e Siemens. Per un poco regge lo svincolo per via Avogadro poi si blocca anche quello. Intanto nei quartieri ne risentono immediatamente via Claudia Augusta a Oltrisarco in direzione ponte Roma e la stessa via Roma a Europa Novacella con inevitabile coda di blocco su corso Italia e le strade affacciate come via Torino, via Dalmazia e via Novacella. Al solito il piano d'urgenza prevede una deviazione di flusso verso via Roma-viale Venezia e poi viale Druso, ma più di qualche voce critica continua a sondare l'enigma dell'intoccabilità di viale Trento anche in situazioni di emergenza. Per sicurezza davanti alla strada è stato posta anche una transenna. Proprio in via Roma verso le 11 una Mercedes Bianca Ml350 ha investito una signora che stava attraversando sulle strisce pedonali poco prima dell'intersezione con viale Trieste. La donna è stata immediatamente immobilizzata dai soccorsi e portata via con l'ambulanza con ferite di media entità. A bordo della Mercedes, invece, un uomo che si è poi fermato a ricostruire la dinamica, piuttosto semplice, con la polizia municipale. Il tutto, peró, si è rivelato un ulteriore granello in un meccanismo viabilistico già compromesso andando, di fatto, a paralizzare la strada anche nei minuti immediatamente successivi la riapertura della Galleria. Ciliegina sulla confusissima torta il danneggiamento da parte di un piccolo furgone di un palo di un semaforo tra via Torino e via Dalmazia. Lo scenario, insomma, è il medesimo creatosi con il tragico incidente tra moto, la caduta di calcinacci e con un camion in panne poche settimane fa: un disco ormai che più che incantato è ipnotizzato. È vero che nella concomitanza la sfortuna ci ha messo lo zampino ma è anche vero che sono tutti episodi piuttosto catalogabili alla voce "piccolo imprevisto". Sarà meglio capire come questo si trasformi in un grande disagio.
Alan Conti

lunedì 23 settembre 2013

Gallo: "Non mi sento insultato"

“Essere amico degli zingari non è insulto e come tale non intendevo chiedere né avevo bisogno della solidarietà dei compagni di giunta cui non ho nulla da rimproverare”. Dopo gli episodi riportati dal quotidiano “Alto Adige” e relativi a un post su Facebook è sempre sul social network che l’assessore ai lavori pubblici Luigi Gallo riporta alcune precisazioni non di poco conto. Non si sente insultato e lo scrive chiaro e tondo: “Non mi sento minimamente minacciato e non era mia intenzione richiedere appoggio. Volevo solo stimolare un riflessione su quanto ribolle in pancia nella nostra città in un momento in cui la crisi economica e culturale può generare brutti mostri. Non ho nulla da rimproverare a colleghe e colleghi a cui mi legano amicizia e stima”. La solidarietà, in ogni caso, arriva e dopo la discutibile uscita del segretario provinciale del Pd Antonio Frena arriva il tweet del sindaco Luigi Spagnolli: "Io sono amico degli zingari e di molte altre persone. Essere amici è un vanto. Io sto con Luigi Gallo". Sulla questione è intervenuto anche Radames Gabrielli che della diffusione della cultura sinta ne ha fatto una missione. “Non si può considerare il termine ‘amico degli zingari’ come un insulto, ma la parola zingaro è per noi insultante. Questa gente istiga alla discriminazione razziale dimenticando che noi siamo bolzanini da tre generazioni e ci sentiamo cittadini a tutti gli effetti, quindi è normale che il nostro Comune ci aiuti. Noi andiamo a votare come tutti gli altri”. Sostegno anche da Angelo Gennaccaro: “Ho incontrato, invece, una persona che mi ha parlato di Gallo in termini entusiastici”, mentre il segretario provinciale della Cils Michele Buonerba circoscrive le cause alla crisi economica che “amplifica il livore. E’ il momento di attuare politiche anticicliche”. Insomma il gioco è tutto sulle parole, ma attenzione perché si gioca con il fuoco.
Alan Conti

Prolungamento del Mercatino? Si faccia il referendum

Il Mercatino di Natale allungato è certamente aspetto che interessa commercianti ed operatori turistici, ma altrettanto sicuramente avrà un impatto sulla vita dei bolzanini. E’ partita da questo assunto l’idea promossa da Sigmar Stocker e infiocchettata verso piazza Municipio: organizzare un referendum popolare sull’eventuale prolungamento. “Si tratta – spiega il consigliere provinciale – di una novità che interesserebbe tutti e inciderebbe sulla vita cittadina. Pare normale che siano gli stessi bolzanini ad esprimersi con una vicenda che deve uscire da piazza Municipio e arrivare alla gente”. Nel fiorire di consultazioni e proposte, insomma, ecco un nuovo germoglio “ma in questo caso – aggiunge Stocker – la questione avrebbe più che mai un suo senso”. Nessuna indicazione, però, arriva dai Freiheitlichen sulle modalità per uscire da un'empasse che, non è un mistero, ha bloccato la maggioranza comunale. In realtà la questione anche all’interno dell’amministrazione non si riduce al semplice sì o no alle casette fino alla Befana in versione short e in convivenza con la BoClassic. La giunta, infatti, vorrebbe avviare una riflessione a caccia di qualche novità significativa per la promozione turistica della città. Chissà, magari aggiungendo due righe alle caselle del sì e del no qualche brillante intuizione potrebbe arrivare dal seggio.
Alan Conti

Incubo scopazzi per i meli altoatesini

Incubo scopazzi. Per quanto il nome possa sembrare buffo questa malattia parassitaria dei meli a coltivazione intensiva è un vero incubo per i coltivatori altoatesini. Pareva debellata negli anni ’90, ma dal 2006 è tornata a punteggiare il territorio tanto da costringere la Provincia a mettere a punto specifici programmi di prevenzione. Non a caso il Centro Sperimentale di Laimburg ha effettuato un sopralluogo con il Suedtiroler Bauernbund per monitorare la situazione nella zona di Scena nel meranese. I primi sintomi, infatti, si scorgono in autunno con foglie affastellate che assumono la forma definita “a scopa” e un colore rossastro.
“Il danno per gli agricoltori è notevole perché impone l’eliminazione della pianta – spiega Leo Tiefenthaler, presidente del Bauernbund – con conseguente mancato raccolto per tre o quattro anni. Il problema, dunque, è serio e va tenuto sotto controllo”. “Lo scopazzo è molto particolare nella sua trasmissibilità attraverso insetti vettori e ha conseguenze davvero critiche”.  
La prevenzione in questo campo è l’unica strada dato che una terapia vera e propria di sicura efficacia ancora non esiste. Le eventuali piante ammalate devono essere estirpate immediatamente: occhio lungo, dunque, e monitoraggio a tappeto per scopare via la malattia. 
Alan Conti

Frena: "Bolzanini razzisti e incapaci di differenziare"

"Cittadini razzisti e incapaci di fare la differenziata". Il segretario provinciale del Partito Democratico torna ad utilizzare Twitter con una certa disinvoltura e regala alla città di Bolzano un buongiorno al vetriolo. "Cittadini razzisti e incapaci di fare la raccolta differenziata: si profila un autunno caldo per Bolzano. Solidarietà all'assessore Gallo" il testo affidato ai social network. Frena, dunque, sulla vicenda degli epiteti di “amico degli zingari” rivolti all’amministratore supplisce ai colleghi di giunta, forse frenati dal clima da campagna elettorale, e provvede immediatamente a recuperare una pezza difensiva. Il problema è che nelle sentenze lanciate sul web manca una componente non secondaria: il tono della voce. La frase, dunque, è una sentenza tutt’altro che leggera per quella parte di città che si adopera per l’integrazione e la solidarietà oppure per quelle famiglie che quotidianamente si impegnano a dividere sacchetti e sacchettini constatando con fastidio che l’inciviltà vanifica i loro sforzi. Tutti dimenticati dal segretario di uno dei massimi partiti italiani sul territorio e dal medesimo partito che questa città la governa e in parte la educa da diverse legislature. Se i vertici Pd intorno a sé vedessero solo maleducazione e intolleranza dovrebbero ammettere che qualcosa, evidentemente, non ha funzionato in quelle politiche culturali di cui hanno le manopole del comando anche in Provincia. Ancora una volta, dunque, a Frena forse scappa un eccesso di difesa e mentre accusa i bolzanini di rendere l’autunno caldo non si accorge di arroventarlo.
Alan Conti

domenica 22 settembre 2013

Arriva il console peruviano: lavoro e cittadinanza le richieste

Pacche e strette di mano, convenevoli e discorsi istituzionali: il Console Peruviano di sede a Milano è atteso per una visita  martedì prossimo alle 18.30 nella sala polifunzionale di via del Ronco. Un appuntamento, peró, che non si può limitare a una presa di contatto di vetrina, ma deve fare fronte a problematiche di tutti i giorni. Attese oltre ogni limite per la cittadinanza e lavoro che va e non va. Pedro Rincon, peruviano all'interno della consulta immigrati, è pronto a presentare un conto articolato. Coniugare orizzonti e origini così diverse in un solo organo, per giunta consultivo, deve essere molto difficile ma se non si trova una strada diventa altrettanto difficile incidere anche solo in minima parte.(a.c.)
Nel telegiornale di oggi l'intervista a Rincon

Bolzano in bici, passione a due ruote

Una Bolzano in bici che tocca i cinque continenti suddividendoli per le piazze cittadine. Un mix di cultura sportivo-ambientale con quello etnico-culturale che poi è la natura stessa di questo territorio. Sarà per questo che fin dalle prime ore di chiusura delle strade il capoluogo si punteggia sempre più di due ruote. City bike, bici elettriche, mini bici con le rotelle, mountain bike: ce n'è per ogni pedale. Per le bmx, poi, il contest evolutivo in piazza Tribunale e il percorso sul Talvera.
Di contorno ecco la musica in piazza Nikoletti, i balli in piazza della Mostra,  ma anche la cultura in piazza Gries e i colori di piazza Don Rauzi. L'obiettivo del Comune è raggiungere e magari superare le 4.000 presenze dell'edizione 2012. Traguardo raggiungibile senza considerare che nei conti comunali appare solo chi timbra, ma è presumibile siano molto anche i bolzanini che semplicemente si fanno un tour godendosi la città senza tubi di scappamento. Intanto il consigliere comunale di Forza Alto Adige, però, denuncia la mancanza di magliette premio sufficienti per tutti sottolineando la delusione di alcuni bimbi. I casi sono due: o c'è stata troppa partecipazione oppure qualche conto è stato sballato. 

Alan Cont9

Ale in campo con la Juve per l'Admo

"Ehi tu, hai midollo?". L'esortazione arriva dritta dritta dall'Admo in vista della giornata nazionale per la sensibilizzazione che si terrà il prossimo 28 settembre. Uno striscione che deve essere refrain per invitare alla tipizzazione: negli stand, sui social network e anche nei palazzi del ghiaccio come accaduto ieri al Palaonda per iniziativa degli ultras del Bolzano. Oggi, peró, è un antipasto speciale perché la "Bolzano in bici" da sempre rappresenta una manifestazione cara all'associazione altoatesina dell'Admo e alla sua presidentessa Emanuela Imprescia che oggi vivrà anche un'emozione a distanza. Il suo Alessandro Polì, infatti, è sceso sul campo della Juventus tricolore da protagonista, con addosso la maglia da arbitro tra le due squadre. Una presenza che ha anche portato fortuna ai bianconeri vittoriosi per 2-1. Alessandro va in campo come dimostrazione vivente che rendersi disponibile può salvare una vita. Tirate fuori il midollo.

Trasferta ancora amara: Alto Adige ko



Trasferta sempre amara per l’Alto Adige che anche da Como torna con un pugno di mosche in mano. Sconfitti per 3-2 i biancorossi in terra lombarda in una partita in cui raramente sono stati in partita. All’11’, infatti, il Como è già avanti con un gol di Cristiani che porta il Como al riposo sull’1-0. Nella ripresa, sempre all’11’, ecco maturare la rete dell’ex ovvero Giuseppe Le Noci che punisce ancora la sua vecchia squadra come già fatto con la maglia della Cremonese. Al 16’ il risveglio dell’Alto Adige con la rete di Campo che alimenta speranze stroncate al 36’ con il centro di Giosa su calcio d’angolo. La doppietta di Campo al 38’ serve solo a mettere un po’ di pepe in un finale convulso, ma comunque amaro. In classifica i biancorossi rimangono inchiodati a 4 punti e precipitano all’undicesimo posto, decisamente lontani da quelle che erano speranze e previsioni.








Tentato scippo, donna sotto shock



Spavento oggi sulle Passeggiate del Talvera quando, poco prima delle 13, una signora è stata vittima di un tentato furto. Immediato l’allarme che ha portato alla celere segnalazione alla forze dell’ordine con l’intervento dei Carabinieri. I militi sono dunque riusciti a fermare un ragazzo e portarlo in caserma, mentre per la donna è stato necessaria l’assistenza dei medici dell’ambulanza per uno stato di shock.(a.c.)

Galateo: "Il sondaggo di Urzì solo campagna elettorale"

"L'iniziativa di Urzì è solo una propaganda elettorale senza alcun valore statistico". La sicurezza torna ad infiammare la polemica e come prassi degli ultimi mesi basta una scintilla per appiccare un falò nel centrodestra. A rispondere all'iniziativa di Alto Adige nel Cuore è Marco Galateo, in quota Forza Alto Adige e attivissimo nel Comitato Sicurezza cittadino. "Qualsiasi statistico può confermare che un simile sondaggio vale zero perché inficiato dall'orario di somministrazione ma anche dalla limitatezza del luogo. Piazza Erbe è solo la valvola di sfogo di un fenomeno molto più complesso. Un simile campionamento, poi, esclude di fatto chi in Centro ci abita e che deve poter avere una forte voce in proposito". Galateo, poi, rimanda ai dati ufficiali: "Forse ad Urzì - si chiede - non interessano i numeri del Sole 24 Ore o dal Commissario di Governo?".
La zuffa, insomma, è servita e il boccone della sicurezza si rivela ancora una volta politicamente succulento. Fateci caso: nessuno in queste settimane lo lascerà sul tavolo. 
Alan Conti

Bolzano insicura, davvero?

Bolzano città insicura con tanta voglia di telecamere? Certe volte, specialmente dopo fatti di cronaca violenta, certi assunti vengono dati per scontati e ci si dimentica di andare alla fonte delle convinzioni. Così Alto Adige nel Cuore, certamente non sdegnando di mettere una sella da campagna elettorale a uno degli argomenti forti del periodo, ha preso mouse e tastiera stilando un questionario da sottoporre ai passanti di piazza Erbe al sabato sera. Domanda semplici semplici: dal ti senti sicuro alle cause di violenza passando per videosorveglianza, controlli, atteggiamento mediatico e limitazioni ai locali pubblici.
“Mi pare evidente – le parole di Alessandro Urzì – che in Centro viviamo una situazione del tutto particolare evidenziato da quanto accaduto in questi mesi. La videosorveglianza è ormai questione primaria e va affrontata anche da un’amministrazione che paradossalmente parla di costi troppo alti e poi spende centinaia di migliaia di euro per il controllo video della zona a traffico limitato”. Il rischio politico, però, è che dal sondaggio esca un risultato piuttosto avverso a questo orientamento. Se alla fine i bolzanini si sentissero più sicuri del previsto? “La sorpresa sarebbe anche gradita – ribatte Francesco Rullo, autore del modulo – e in ogni caso sarebbe tutto utile a definire meglio le necessità per migliorare e affinare quello che si può affinare”.
La parte più interessante dell’iniziativa, dunque, è sicuramente custodita nei risultati e nella mappatura che questi daranno del territorio. Per non dare nulla per scontato.
Alan Conti

sabato 21 settembre 2013

Cibo e musica per l'autismo

Chiudere un cerchio che comincia con la musica, passa per la gastronomia e si conclude con la riflessione e l'assistenza a quel complesso fenomeno che è l'autismo. La festa che stasera troverà posto a Laives in via Sottomonte è di quelle con il sapore della genuinità e il valore della solidarietà. Tutto il ricavato sarà infatti girato all'associazione "Il Cerchio" gestito dalle giovani Verena Isaia ed Elena Bertoluzza che si concentra alle forme di assistenza, rete e correlazione per chi è affetto da autismo, chiaramente con i bambini in primo piano.
"Avremo musica, cibo, ma anche lo spettacolo dei mangiafuoco e la truccatrice per i bimbi - spiega Verena Isaia, una delle curatrici del progetto "Il Cerchio - concretizzando così una festa che ha coinvolto molte anime del territorio. Molto, però, lo dobbiamo a una zia di un bimbo colpito da autismo che è stata il vero motore di questa serata". "Il fenomeno di questa malattia - le fa eco la collega Elena Bertoluzza - è molto complesso e vario, direi un arcolbaleno con mille colori e sfaccettature. In genere possiamo dire che oggi è molto più conosciuto di un tempo, forse anche grazie ad alcune storie che sono finite in televisione, tuttavia si può sempre fare di più e meglio. In particolare ci piacerebbe riuscire a diventare proprio un aiuto di sostanza a chi si trova a vivere queste difficoltà con il preciso impegno di non farli mai sentire troppo soli".
Cibo affidato alle mani del Gruppo Alpini Bolzano, regia di Sottomonte Live e servizi offerti dalla vicinissima struttura di lungodegenti: il lavoro è di  team e trasversale.
Tra gli obiettivi più prossimi del "Cerchio" un servizio di baby sitting specializzato, ma anche una sempre più stretta collaborazione con la scuola e le associazioni per costruire attorno alle famiglie che affrontano questa montagna una struttura sociale solida. L'associazione è giovane, hanno idee e voglia: un hamburger, una fetta di polenta o una trippa valgono bene una chiusura di un bel cerchio tondo.
Alan Conti 
Sito dell'associazione: www.ilcerchio.it 


Incidente a Merano, gravemente ferito un altoatesino



Bruttissimo incidente questa mattina a Merano quando, verso le 10.30 una moto si è scontrata con un’auto all’incrocio tra la via delle Caserme e via Gampen. Un urto violentissimo che ha sbalzato il centauro 33enne costringendolo a un volo di circa dieci metri e a conseguenze piuttosto gravi. Per lui, un altoatesino, un politrauma un colpo molto forte alla spina dorsale. Il ferito è stato trasportato all’ospedale San Maurizio di Bolzano dalla Croce Bianca mentre la polizia municipale meranese si è occupata dei rilievi di legge. Pulizia affidata ai vigili del fuoco volontari di Maia Alta.

M5S: "Vogliamo mettere il naso nel potere provinciale"

Mettere il naso nel centro di potere provinciale perché da fuori c'è puzza di bruciato. Il Movimento Cinque Stelle lancia la sua corsa alle Provinciali e lo fa, curiosamente, seguendo una logica piuttosto partitica ovvero la calata a Bolzano dei big nazionali. Ecco, dunque, che al tavolo con il capolista Paul Koellensperger spuntano il capogruppo al Senato Vito Crimi, quello alla Camera Riccardo Nuti il senatore Riccardo Fraccaro.  Un appuntamento che è un po' conferenza stampa, un po' presentazione e un po' corso di campagna elettorale ai candidati. Un doppio piano, dunque, dove quello provinciale punta forte su ambiente e impresa con stoccate ai Verdi, probabilmente la forza con il profilo più affine ai grillini.
Oltre alla crociata contro il potere, dunque, si infilano le questioni strettamente programmatiche per cercare di fare breccia. Intanto all'Svp parlamentare arriva la stoccata di Fraccaro: "Arrivano il martedì e spariscono il giovedì - dice - e di Autonomia non ne parlano proprio". Il fiuto grillino, insomma, si sta affinando: vedremo se seguirà una traccia sufficiente a varcare Palazzo Widmann e vedere che aria tira. (a.c.)
Nel telegiornale di oggi l'intervista a Paul Koellensperger

M5S nazionale: tutti contro Perugini

Inutile girarci attorno: il caso Andreas Perugini entra prepotentemente nella sala Fronza e coinvolge anche tutti i rappresentanti romani in men che non si dica. È un fuoco di fila, dunque, quello che parte dalle alte cariche del Movimento.
Nuti: "Si può aiutare il Movimento anche senza essere candidati".
Crimi: "Chi perde una candidatura e porta la polemica fuori non ha capito nulla del Movimento".
Fraccaro: "Ci vuole coraggio per fare un percorso simile per il bene del Movimento. Hanno fatto bene".
L'alzata di scudi, insomma, è generale anche se gli accenni alla necessità di non far uscire le polemiche lascia un'ombra sulla trasparenza grillina spesso fatta bandiera. Sembra uno di quei vestiti delle signore: un vedo non vedo.(a.c.)
Nel telegiornale di oggi gli interventi completi

Bolzano, amaro ma non troppo

Che la Ebel fosse un altro mondo, più veloce e tecnico, il Bolzano l’aveva capito. Ieri, però, i 2500 spettatori del Palaonda armati di bandierine colorate e il roster biancorosso hanno toccato con mano anche quanto si sospettava: questo campionato internazionale non è tutto un sogno, basta una piccola leggerezza per inciampare. Contro il Dornbirn ieri sera il primo periodo è stato un proseguir del cammino di rose e fiori con un parziale di 3-0 Foxes firmato Withfield, Strömberg e Sharp. Venti minuti a ritmo indiavolato lasciano i biancorossi con il fiato più corto e nella seconda frazione e arrivano le segnature di Grabher Meier e Aquino per il Dornbirn inframezzate dal centro di capitan Egger. Nel terzo periodo si sale sull’ottovolante con il Dornbirn che prima infila Hubl con un colpo di D’Alvise e poi sfrutta la leggerezza biancorossa che spedisce in panca puniti Cividarese e Insam. In inferiorità numerica gli altoatesini pagano doppio pesantissimo dazio con Oraze e Aquino che portano gli austriaci, seguiti da un rumoroso drappello tamburato, in avanti 5-4. Il pareggio del Bolzano è un quadro di cuore e palpitazione con la rete, la festa e poi una lunghissima chiamata arbitrale, con consultazione davanti al video per la convalida liberatoria. Si affrontano così i primi overtime di questa Ebel e tutto sommato i Foxes meriterebbero anche la posta piena che sfugge poi per i tre penalty sbagliati contro quello messo a segno da Jarret che regala al Dornbirn la vittoria. A Bolzano rimane un preziosissimo punto e una maggiore consapevolezza.  Oggi alle 19.45 si torna sul ghiaccio per affrontare gli ungheresi del Fehervar regolati a casa loro per 6-3 e sconfitti ieri dall’Innsbruck 7-2. Il Bolzano resta primo in classifica con una lunghezza sul Villach e tre sul Linz: Ebel l’è bel, lo scrivono i tifosi, ma l’è anche tanto tosta. 
Alan Conti

mercoledì 18 settembre 2013

Ruba in Provincia, pizzicato dalla polizia

Si è reso responsabile di diversi furti all’interno degli uffici dell’amministrazione provinciale un tunisino di 25 anni, R.S. le iniziali, pizzicato oggi dalla Squadra Volante della Questura di Bolzano dopo un’attenta attività di indagine svolta sulle impronte digitali. Il nordafricano, infatti, ha lasciato diverse tracce all’interno dei locali dell’amministrazione, ma anche presso un noto bar del centro storico. L’arresto, dunque, è arrivato immediato in ottemperanza all’ordine di custodia cautelare emesso dal Tribunale di Bolzano. Non è la prima volta, comunque, che l’uomo si rende protagonista di atti simili dato che sul suo conto pendono diversi precedenti per reati contro il patrimonio. Il malvivente, inoltre, era stato denunciato dagli operatori delle Volanti anche per falsa attestazione commessa all’atto della sua identificazione. In soldoni ha fornito generalità volutamente errate. Nel giro di poche ore, insomma, la polizia blocca un pregiudicato che fa il paio con il connazionale arrestato ed espulso per la violenza di piazza Erbe con una lista di precedenti assai lunga. La città e il Paese, evidentemente, non riescono a tenere lontano chi si comporta male.
Alan Conti

Alba con sgombero in viale Trento

Alba con sgombero per la polizia municipale di Bolzano che assieme a Seab si è diretta questa mattina in viale Trento per liberare la zona sotto l'autostrada. Un'operazione abbastanza veloce che ha visto vigili e operatori portare via materassi e biciclette abbandonate ripulendo uno spicchio di strada evidentemente utilizzato come riparo di fortuna. Alle 7.35 tutto già finito. Alcuni vestiti abbandonati e diverse tracce organiche, comunque,  lasciano supporre come la zona fosse ancora piuttosto frequentata da qualche senzatetto. Ripulito di netto, nell'appezzamento è rimasta appena qualche lamiera anche se lo spazio rimane piuttosto invitante per chi é costretto a destreggiarsi all'addiaccio. Facile, dunque, che il tratto rimanga sotto stretto controllo come già avvenuto per diversi punti sotto i ponti bolzanini. (a.c.)

Anaci vuole l'aumento, ma dimentica il protocollo

"Anaci si impegna a facilitare il contatto e l'informazione nella realizzazione delle politiche ambientali del Comune di Bolzano". La dicitura compare papale papale su un protocollo d'intesa firmato il 30 di maggio 2012 dalla stessa Anaci e dall'amministrazione cittadina. A prendere in mano le penne sono il direttore di Ripartizione Stefano Rebecchi e il presidente provinciale di Anaci Marco Lombardozzi. Lo stesso Lombardozzi che meno di due giorni fa ha lanciato il grido di allarme a nome di tutti gli amministratori circa un eccessivo carico di lavoro legato all'introduzione del nuovo sistema rifiuti con possibilità conseguente di un ricarico del 20% sulle tariffe. Era sfuggito, peró, che tutto era previsto in questo documento sigillato meno di un anno fa dove la questione bidoncino era ben chiara nella testa di tutti, tanto da essere esplecitata in un punto preciso del protocollo con l'impegno delle due parti contraenti ad agevolare al meglio l'introduzione del nuovo sistema di raccolta rifiuti. Non bastasse la dichiarazione d'intenti palese è sufficiente scorrere il documento per imbattersi in precisi compiti affidati all'Anaci come la partecipazione alle politiche ambientali e il favorire la comunicazione. Nelle premesse l'associazione, oltretutto, viene ufficialmente investita del ruolo di interfaccia pubblico e privato per interventi atti alla diminuzione di CO2 e aumento della differenziata.
Da parte comunale, invece, l'obbligo di coinvolgere l'associazione nelle novità e l'istituzione di un tavolo permanente per il confronto: la sede ideale, forse, per esprimere le difficoltà. C'è, inoltre, un altro aspetto molto curioso del protocollo che impegna l'amministrazione a installare apposite targhette di riconoscimento all'esterno dei portoni con il marchio Anaci, lo stemma comunale e la specifica del singolo amministratore. Lo scopo è chiaramente informativo: difficilmente sfugge la sua ricaduta, fosse anche inconsapevole, promozionale. Sorprende, dunque, la sorpresa degli amministratori. O quindici mesi fa si è firmato un protocollo senza averlo letto nel dettaglio oppure questi protocolli sono poco più di una lista d'intenti buona per convocare telecamere e taccuini alla bisogna.
Alan Conti

martedì 17 settembre 2013

Individuato ed espulso il violento di piazza Erbe



Pugno di ferro della polizia che nella giornata di oggi ha individuato l’autore della violenza di piazza Erbe di sabato sera ai danno di una  barista del bar Eule in piazza delle Erbe e ha provveduto immediatamente ad espellerlo dal Paese. Si tratta, infatti, di un cittadino tunisino del 1991 con svariati precedenti: dalla resistenza a pubblico ufficiale passando per lesioni e spaccio di stupefacenti. L’uomo è stato prelevato e accompagnato al Centro di espulsione a Trapani. Nella stessa operazione denunciato anche un connazionale per l’inottemperanza di un foglio di via dalla città di Bolzano. Intanto sull’episodio ha preso posizione anche il sindaco Luigi Spagnolli rispedendo al mittente le richieste pressanti di telecamere.
Da affrontare a breve, invece, la questione delle multe per chi si affianca alle prostitute di strada come mandato del consiglio comunale.
Per quanto riguarda la polizia, infine, portata a termine sabato un’operazione straordinaria di controllo sulla strada per passo Mendola. Coinvolti 7 operatori, 1 moto e 3 veicoli per un totale di 78 motoveicoli, 7 auto e 89 persone controllate. Elevate 54 contravvenzioni, la maggior parte per eccessiva velocità in curva e di cui 34 pagate immediatamente per un totale di 1350 euro in contanti e 120 punti decurtati. 
Alan Conti

Giunta spaccata, stop al mercatino lungo

C'è un convitato di pietra ingombrante che oggi si è seduto al tavolo della giunta comunale. Le elezioni provinciali si fanno sentire in tutta la loro incombenza e soffocano sostanzialmente due questioni di stringente attualità: il prolungamento del Mercatino e la vendita del l'hotel Alpi. Il primo, come prevedibile, non incontra il favore di tutta la giunta neppure nella sua versione ridotta e camuffata tanto che il primo cittadino già si affanna a chiamarlo in modo differente, il secondo dovrebbe arrivare a un orientamento preciso solo dopo il voto con la società di Benko meno abbottonata sulle intenzioni. In ogni caso il Mercatino lungo avrà bisogno di un passaggio in maggioranza non facile perché già qualche assessore e lo stesso sindaco hanno ammesso di preferire qualcosa di diverso e maggiormente innovativo di un "Befanamarkt". Meno appariscente, ma comunque presente, l'appunto per cui a molti bolzanini il prolungamento andrebbe di traverso in ottica traffico e assalto turistico.
"Sul Mercatino - spiega il sindaco - non voglio assolutamente che se ne faccia una questione elettorale e di certo si tratta di qualcosa di diverso da quello di Natale, addirittura con un nuovo bando. Più piccolo e con prodotti differenti. Mi piacerebbe, però, si trovasse qualcosa di originale per il rilancio dell'immagine turistica della città, qualcosa di veramente nuovo. Per quanto riguarda l'hotel Alpi, invece, immagino che solo dopo il voto di ottobre possiamo pensare di avere un quadro chiaro di quelle che possono essere le intenzioni globali del gruppo di Benko".
Tutto bloccato, insomma, fino a quando il colosso di pietra non si farà un po' più in là e si potrà ammirare l'orizzonte della città. 
Alan Conti

"Il bidoncino pretesto per gli amministratori"

"Subissati dalle chiamate degli inquilini per offrire chiarimenti sul bidoncino potremmo essere costretti ad alzare le tariffe del 20%". Questo il grido di dolore che Il presidente dell'Anci locale Marco Lombardozzi ha lanciato al taccuino di Valeria Frangipane sulle colonne odierne del quotidiano Alto Adige. Pronta anche una specifica agile sui condomini più complicati da informare: "Sicuramente le case popolari". Bene, con le nostre telecamere siamo andati direttamente alla fonte di queste chiamate, nella piena zona popolare di piazza Matteottti, per capire effettivamente quanto insistenti siano state.
Nel servizio di oggi su Tca Alto Adige Tv le risposte dei bolzanini smentiscono praticamente compatte, salvo un caso, di aver fatto richiesta al proprio amministratore sul funzionamento del bidoncino. Un cittadino, più specificatamente, ha denunciato di aver chiamato molte volte senza mai ottenere una risposta. Pollice verso anche per quanto riguarda il rialzo delle tariffe considerato non necessario, esagerato e alimentato dal facile pretesto del nuovo sistema rifiuti.
Vuoi vedere che tra le tante ottime virtù del nuovo sistema rifiuti gli amministratori ne hanno trovata un'altra? Si chiama occasione buona.

Truffa da mezzo milione di euro per ditta altoatesina



Truffa da mezzo milione di euro per una ditta altoatesina specializzata in pannelli solari che è stata raggirata, secondo quanto riporta l’edizione on line del giornale Alto Adige, da un’azienda di Lecce. L’ordine per mezzo milione, infatti, parte da Bolzano dopo una visura camerale sull’esistenza dell’impresa pugliese e un anticipo pari a 50mila euro. Da lì in poi in Alto Adige non è più arrivato un centesimo e nemmeno è stato possibile recuperare la merce che nel frattempo era stata ceduta al fratello del proprietario della ditta leccese e poi girato a terzi. Ora il sostituto procuratore Axel Bisignano si appresta a chiedere il rinvio a giudizio dei due protagonisti: Il titolare per truffa, il fratello per ricettazione.

Uranio nelle acque, allarme di Urzì

Uranio nelle acque. Troppo per non essere preoccupati, sotto controllo per alimentare preoccupazioni. È su valori e contromisure che si è sviluppato questa mattina lo scontro nell'aula del consiglio provinciale tra Alessandro Urzì e l'assessore Richard Theiner. Secondo il primo, infatti, in molte zone del Burgraviato e della Venosta nelle acque potabili si supererebbe il limite fissato dall'Oms di 20 microgrammi per litro. Per inciso sarebbero 23 a Postal, 36 a Lana, 62 a Silandro e 80 a Martello. Theiner ha ribadito come a Lana la situazione sia stata risolta, mentre in fase di approfondimento sarebbero le altre criticità. "In ogni caso - continua l'assessore - non esistono norme nazionali, europee o provinciali che pongano dei limiti". L'uranio potrebbe condurre a disfunzioni interne: all'Oms, forse, se ne sono accorto prima. 
Alan Conti

lunedì 16 settembre 2013

Costa Concordia attimo per attimo

Scatta immagini ad altissima risoluzione da mettere in fila una per una e andare poi a comporre quello che è il mosaico di un’opera ingegneristica di livello mondiale come il recupero della Costa Concordia dai bordi del Giglio. Per farsi raccontare attimo per attimo una simile operazione, dunque, non c’è nessuno meglio del bolzanino Alex Galtarossa che con la sua Italdron seguirà queste giornate per farne documentari di altissimo profilo. Professionismo dettagliatissimo, come tutti quello che sta ruotando attorno questa missione che coinvolge oltre un centinaio di giornalisti, due elicotteri sempre in volo e navi militari. Nessuno fa il bagno e nessuno, senza accredito entra o esce dal Giglio. L’eco della tragedia, però, non può lasciare un velo di emozione.
"Naturalmente c'è anche questa componente perchè sappiamo che, oltre alle trenta persone che hanno perso la vita quella notte di gennaio, altre due salme sono ancora nel relitto in attesa di essere liberate. Si avverte, quindi, questa commistione di sensazioni con la consapevolezza di essere sotto gli occhi del mondo e al cospetto di un'opera mai tentata prima. Qui lavora un equipe di 500 persone, moltissimi sono ingegneri di altissimo profilo in arrivo da tutto il mondo: tutto è calcolato al millimetro, nulla è lasciato al caso. Ci sono, per esempio, cinque telecamere subacquee telecomandate che controllano momento per momento quanto avviene in acqua e una sala di controllo che ha sott'occhio ogni singolo centimetro della nave. Attenzione perchè parliamo di un relitto dalle proporzioni enormi: dalla televisione non si comprende quanto sia grande".
Una volta raddrizzata. la nave dovrà aspettare un anno per essere trasportata via in modo definitivo. Naturalmente i timori sono legati soprattutto ad eventuali emergenze ambientali conseguenti le operazioni.
"I timori - continua Galtarossa - sono quell relativi alle sostanze delle paratie laterali danneggiate. C'è incertezza su cosa possa effettivamente uscire. In ogni caso il monitoraggio è continuo".
La peculiarità dei droni utilizzati da Galtarossa è quella di decollare e atterrare in un palmo di mano: un’agilità che sarebbe stato bello avessero ai timoni di questo barcone che rappresenta comunque una tomba. E’ bene che se ne ricordino anche i miliardi di occhi che in questi giorni la guardano con grande curiosità e che il nostro Paese non se ne faccia troppo vanto. Ricordiamoci che non è l’unica nave da raddrizzare.
Alan Conti

Bottiglia in faccia, violenza in piazza Erbe

Un diverbio tra barista e clienti e una bottiglia che finisce frantumata in faccia a un'asiatica che stava lavorando nel proprio locale. È l'ultimo episodio registrato in piazza Erbe dal Comitato Sicurezza per i Cittadini e confermato da alcuni colleghi delle bancarelle, ma non ancora dalle forze dell'ordine. L'incidente, comunque, sarebbe avvenuto sabato sera davanti alla storica osteria Eule, da diversi anni passata in mano a gestione asiatica. A un certo punto della notte, forse complice il tasso alcolico elevato, un gruppo di nordafricani avrebbe cominciato a litigare con la barista. Difficile comprenderne i motivi nè capirne esattamente lo sviluppo, ma l'epilogo è quello della bottiglia che finisce in faccia alla giovane, immediatamente trasportata al pronto soccorso. Tanto spavento e conseguenze serie tanto che oggi e domani il bar rimarrà chiuso per riposo. Preoccupazione tra i colleghi che fuori microfono parlano di una banda di giovanissimi originari del Magreb che puntualmente a una certa ora, con base proprio all'Eule, trasformano la piazza in un rodeo di provocazioni e accenni di violenza. Evidentemente la situazione sfugge di mano facilmente e se anche chi sta lavorando si trova in pericolo la preoccupazione è tanta.
Alan Conti

venerdì 13 settembre 2013

Attacchi sul web alle aziende: sventata truffa da 50.000 euro

A tanto così da un ammanco pesante di 50.000 euro per un virus tra i più comuni. La polizia postale e delle comunicazioni di Bolzano, in sinergia con quella di Roma, è riuscita a mettere in atto una serie di attività per bloccare l’attività di phishing sul web, ovvero tutte quelle condotte fraudolente che mirano a realizzare truffe on line. L’episodio capitato a un’azienda bolzanina è in qualche modo esemplare. Attraverso mail o siti web, infatti, i malintenzionati sono riusciti a infiocchettare nei computer della ditta un malware: un virus capace di decodificare tutte le password e spalancare le porte dorate dei login tra cui, logicamente, anche quelli bancari. Da qui è partito un bonifico di 50.000 euro per un conto corrente italiano intestato a un provato che ha insospettito prima di tutti la stessa banca in cui è domiciliato il conto aziendale. Immediata la segnalazione alla polizia postale che ha provveduto a far congelare la transazione dall’autorità giudiziaria bloccando, di fatto, la truffa in tempo reale. Gli attacchi informatici degli ultimi giorni, comunque, sarebbero molteplici e in larga parte indirizzati alle aziende. La postale, dunque, raccomanda a tutti di usare la massima cautela nell’aprire siti o mail di dubbia provenienza così come è necessario porre sempre attenzione alla navigazione.
Alan Conti

Bolzano, sempre un gradino in più

C’è sempre un gradino più alto da affrontare in  questo avvio di Ebel per il Bolzano. Dopo la vittoria da lustrini contro il Salisburgo al Palaonda ora i Foxes sono attesi questa sera nella tana dei Vienna Capitals. Nella capitale austriaca i Foxes incroceranno le stecche con chi l’anno scorso ha sfiorato il titolo cedendo solo in finale al Klagenfurt. Un match complicatissimo, dunque, che aumenta le sue difficoltà se si pensa che meno di 24 ore dopo il Bolzano sarà nuovamente sul ghiaccio in Ungheria contro il Fehervar. I grandi campionati sono così, si prende poche volte il respiro. Ecco, dunque, che anche la capacità di coach Tom Pokel di centellinare lo sforzo fisico dei suoi sarà decisiva. Con la comitiva, dunque, parte anche il giovanissimo Daniel Frank mentre è atteso il debutto di Schofield, probabilmente in linea con Withfield e Beaudoin. Invariati i blocchi Santorelli-Sharp-Stromberg e Insam-Bernard-Gamper. In gabbia Hubl, ottimo contro i tori rossi, mentre dirimpetto i Foxes saluteranno quel Matt Zaba protagonista tricolore al Palaonda. Dopo il match riposo a Vienna e domattina immediata partenza per Szekersfehervar: chi si ferma è perduto. 
Alan Conti

Il sito per orientarsi...o confondersi di più

Un giro dei temi elettorali in una trentina di domande per capire quali potrebbero essere i partiti con cui condividere maggiori affinità elettive in vista delle prossime Provinciali. Si tratta di www.seggio-elettorale.it, lo strumento messo a punto dal “Suedtiroler Jugendring” per cercare di suggerire ai cittadini quali possano essere le liste che più assecondano priorità ed orientamenti personali. Ogni domanda è formulata seguendo la dicotomia sì/no oppure nessuna risposta e richiede la valutazione del grado di priorità della tematica. Gli organizzatori ci tengono a sottolineare come non si tratti di un’indicazione di voto, come da manuale del politically correct, ma in realtà è un aiuto proprio in quel senso.
L’intero progetto è stato seguito con l’ausilio dell’Università di Innsbruck, esperti e il politologo, sempre di Innsbruck, Guenther Pallaver. Curioso non ci si sia rivolti all’ateneo di casa trattandosi di tematiche locali. I profili di affinità, invece, vengono tracciati secondo un questionario compilato dalle varie forze politiche. Insomma, una bussola in mezzo al mare delle proposte, tuttavia qualche scricchiolio si avverte. Sottoponendolo come test a un conoscente abbiamo ottenuto una classifica di affinità che, nelle prime due posizioni, vedeva quasi appaiate Unitalia e Rifondazione Comunista: qualcosa non torna, nelle politica o nel portale.
Alan Conti

giovedì 12 settembre 2013

All'Eurac il federalismo nella crisi

In che modo il federalismo si sta modellando per rispondere alla crisi? E’ questa la domanda calata sulla testa di giuristi, economisti e politologi confluiti oggi verso l’Eurac di Bolzano per il convegno intitolato “Federalismo come innovazione istituzionale per uscire dalla crisi” organizzato dall’Associazione Internazionale dei centri per lo studio del federalismo. Dietro un mattone verbale, però, il concetto è assai meno tecnico e più vicino alla nostra realtà altoatesina. Si tratta di capire, infatti, in che misura le disposizioni locali possono dare una mano al Paese a mettere il piede fuori dalla crisi. In tempi in cui ci si riempie la bocca di competenze come un serbatoio da riempire più o meno secondo esigenze ed orientamenti evidenziare cosa funziona e cosa meno pare quasi fondamentale. Se a questo aggiungiamo che il presidente dell’associazione è il senatore Francesco Palermo, già investito di questa carica nel 2006 quindi molto prima del pensiero elettorale, il quadro di interesse è completo. Il meccanismo, insomma, è in divenire e gli ingranaggi sono tanto delicati da richiedere un ottimo pilota. Pensateci perché dipenderà anche dalla consapevolezza di una vostra crocetta. (a.c.)
Nel telegiornale di oggi l'intervista a Francesco Palermo

Eccidio Mignone, oggi il ricordo

L’hanno raccontata molte volte, una ogni anni eppure l’eccidio del Mignone continua a essere una delle pagine più brutte e drammatiche della storia della città. E’ l’alba del 12 settembre del 1944 quando un gruppo di militari tedeschi, supportati da guardie ucraine del lager di via Resia, uccide 23 giovani uomini, militari, all’interno della caserma Mignone e seppellendoli in una fossa comune. Erano ragazzi addestrati in Puglia che decisero di lottare per il Regno del Sud, catturati in giro per l’Italia settentrionale e centrale durante alcune missioni clandestine. Prima del lager erano passati per le carceri veronesi . Nel giugno 1945 i corpi furono riesumati, ma fu impossibile dare ai resti un’identità precisa così si optò, giocoforza, per la sepoltura e la lapide comune. Una ferita in più nel dramma che, però, permette ogni anno di ricordare quanto in basso si può cadere e non importa da quale altezza si cade. (a.c.)
Interviste nel telegiornale di oggi

Lub, arriva l'hospitality management

Un ponte verso gli Stati Uniti ed è la prima volta che l’università bolzanina lo lastrica di didattica. Presentato oggi alla Lub il nuovissimo Master in Hospitality Mangement ovvero un corso di due anni indirizzato a professionisti con esperienze lavorative internazionali nel management dei servizi turistici. Sostanzialmente una bella lucidata per uno dei settori di punta del territorio altoatesino. Il partner a stelle e strisce del progetto è la Cornell University ad Ithaca nello stato di New York, mentre a livello locale appoggio arriva dalla Hgv degli albergatori e il Falkensteiner Michael Group che ha già fornito alcuni studenti.  Il corso partirà il 7 aprile 2014 e finirà nel marzo 2016 e si terrà in lingua inglese. Dal punto di vista didattico grande attenzione sarà posta all’organizzazione delle risorse umane, alla capacità di business plan e calcolo rischi, alle strategie di marketing e di progetto. In Alto Adige si frequenta un turismo fortemente tradizionale. Sicuramente è una ricchezza, ma un’iniezione di moderno non può far male. (a.c)
Le interviste nel telegiornale di oggi


Ecco la par condicio, cosa accade?

L’avrete sentita e se ancora non è accaduto sicuramente lo sentirete: con lo scoccar della scorsa mezzanotte tutti i mezzi di comunicazione regionali entrano in regime di par condicio. Bene, ma cosa significa esattamente? Cosa possiamo, in sostanza,  mostrarvi o non mostrarvi? Dunque, la legge è la numero 28 del 22 febbraio 2000, poi modificata nel 2003 e in sostanza come ratio si pone di garantire uguale accesso sui media a tutti i candidati di una tornata elettorale per offrire ai cittadini uno spettro il più ampio ed equilibrato possibile. Le specifiche stringenti sono prima di tutto indirizzate ai programmi di approfondimento politico dove tutte le liste devono ottenere uguale spazio o possibilità. Per quanto riguarda i telegiornali, invece, le indicazioni sono di mantenere un atteggiamento di massima equilibrato bilanciando eventuali prese di posizione forti. Qui, però, entra in gioco un altro aspetto ovvero il diritto di cronaca che, di fatto, pone conferenze stampa e comunicati stampa fuori dal cappello stringente dei calcoli matematici, seppur sempre sottoposti al buon senso redazionale. Molto discusse le attività istituzionali: in questo caso la norma prevede espressamente il divieto a tutte le amministrazioni pubbliche di svolgere attività di comunicazione ad eccezione di quelle effettuate in forma impersonale ed indispensabili per l’assolvimento delle funzioni. Ecco il motivo per cui nelle inaugurazioni, convegni, congressi o quant’altro vedrete principalmente interviste ai funzionari piuttosto che agli assessori candidati ovvero la maggioranza. Capitolo sondaggi: divieto assoluto di pubblicarli o veicolarli nei quindici giorni antecedenti il voto, anche se estremamente parziali o realizzati in un periodo antecedenti. Dal 12 di ottobre, dunque, spariranno come i dinosauri. Le punizioni per eventuali violazioni viaggiano in comunione con la filosofia alla base della norma ovvero prevedono il riequilibrio attraverso servizi, spazi o servizi di forza uguale e contraria. Il capolavoro finale, però, è tempistico: da oggi, come detto, l’introduzione della norma ma la presentazione finale delle liste è calendarizzata al 24 di settembre e solo in quel giorno si conosceranno esattamente tutti i nomi dei candidati. Nella legge si sono dimenticati il capitolo “preveggenza”. 
Alan Conti